Razze

Le Razze giocabili, su Meramia Gdr, si dividono in 5 tipologie, con aspetto e caratteristiche differenti:

  • Eriin – Umani
  • Erinani – Incroci tra umani e nani
  • Erielfi – Incroci tra umani e elfi
  • Eriorchi – Incroci tra umani e orchi
  • Deriin – Mutanti (possono apparire come l’incrocio tra un umano e un animale)

Le razze non giocabili, ma considerate intelligenti e in grado di comunicare, sono molteplici:

  • Nani
  • Elfi
  • Orchi
  • Troll
  • Goblin
  • Streghe
  • Centauri
  • Tritoni
  • Alati
  • Giganti
  • Glaciani
  • Elementali
  • Demoni
  • altri… (a discrezione del Master anche fate, gnomi, gremlin, etc…)

In un certo qual modo, le razze giocabili (Erinani, Erielfi, Eriorchi) rappresentano una ‘umanizzazione’ delle razze pure.
Un Erielfo sarà più simile ad un umano che ad un elfo come caratteristiche, sebbene nell’aspetto abbia qualche tratto tipico degli elfi come, ad esempio, le orecchie a punta. Lo stesso vale per gli Erinani, barbuti e tozzi e gli Eriorchi dalla pelle verdognola e i denti sporgenti.
Molti dei vantaggi della razza pura equivalente, vengono persi: ad esempio non è possibile camminare sulla neve senza affondare come fanno gli elfi puri; ma un Erielfo può (se durante il gioco concentra la crescita del suo personaggio in questa direzione) migliorare le sue caratteristiche fino a raggiungere valori paragonabili a quelli della razza pura e compiere, quindi, azioni che vanno oltre il limite umano: come ad esempio avere una parziale visione notturna.
Di contro per ogni bonus apportato dalla razza esiste anche un malus, così mentre un Erielfo può avvicinarsi alla caratteristica di sensi propria degli elfi puri, al contrario la sua caratteristica di forza non potrà mai arrivare ai massimi livelli, vicino quindi alla caratteristica degli orchi puri.

NB.
Se un personaggio riesce a portare una caratteristica al massimo potrà compiere azioni spettacolari ma è saggio ricordare che su Meramia esistono creature con punteggi spropositati (soprattutto mostri), per cui fare gruppo rimane una necessità

Facebook