GdR News

Chi non ha mai giocato a D&D (Dungeons and Dragons), a WoD (World of Darkness, Mondo di Tenebra) o ad altri GdR famosi da tavolo? Se stai leggendo questa pagina sicuramente sai di cosa parlo.

Tales of Meramia, o più semplicemente Meramia GdR, nasce dall’esperienza di diversi giocatori e Master e cerca, in modo semplice ed efficace, di rendere l’esperienza di gioco più fluida e scorrevole possibile.
Parlare di differenze nelle ambientazioni, a nostro avviso, non avrebbe senso. Anche perché è possibile (per qualsiasi gioco) adeguare le regole alle diverse ambientazioni (magari adattando alcune abilità e tecniche). Ad esempio sostituendo l’abilità us. Arco con l’abilità us. Armi al Plasma si può passare da un’ambientazione fantasy-medievale a una a tema fantascientifico.

Le principali differenze, tra Tales of Meramia e gli altri GdR famosi, riguardano le regole di gioco.
Iniziamo col dire che per giocare a ToM sono sufficienti un foglio bianco, una matita, una gomma e 2 comuni dadi a 6 facce. Non si tirano moltitudini di dadi e non è necessario adoperarne tipologie diverse.

Le creature stesse, presenti nel mondo di ToM sono talvolta frutto di pura fantasia, talvolta ripresi da miti e leggende, persino ispirate da grandi classici come Il Signore degli Anelli.

Nei limiti del surreale tutto è possibile in ToM il resto è a discrezione del Narratore

Facebook